L'HoloMeeting 8
Home ] Su ] Il LASER HeNe ] Il LASER a diodo ] Il LASER verde ] La scansione con gli altoparlanti ] Lo spirografo ] Il LaserShow ] L'HoloMeeting 1 ] L'HoloMeeting 2 ] L'HoloMeeting 3 ] L'HoloMeeting 4 ] L'HoloMeeting 5 ] L'HoloMeeting 6 ] L'HoloMeeting 7 ] [ L'HoloMeeting 8 ] L'HoloMeeting 9 ] L'HoloMeeting 10 ] L'HoloMeeting 11 ]

 

Ecco l'HoloMeeting del 26 novembre 2006, a Cremona, nel laboratorio di Gianpietro!

Questo è il report dell'ottavo incontro degli amici di HoloLaser.

Per la visualizzazione di tutti i "filmini" (realizzati con la macchina fotografica) ti serve il codec DivX.

Alcune foto sono forse un poco mosse ma preferisco di gran lunga il mosso all'utilizzo del flash.

Siamo pronti? Incominciamo!
Alle 10:00 del 26 Novembre 2006 il portone del laboratorio di Gianpietro si presentava così.
Eh già: il cartello delle 9:55 recitava "7o HOLOMEETING" ...

Poco dopo hanno iniziato ad arrivare gli altri e il meeting è entrato nel vivo.

Gianpietro ci ha subito mostrato un programma da lui realizzato: compone note che vengono suonate tramite un'intefaccia MIDI. Tali note sono generate da un algoritmo basato su parametri scelti sia dall'operatore che da un generatore di numeri pseudocasuali. Il computer che si vede nella foto contiene una motherboard più recente di quella presente nel modello originale.
L'effetto è molto piacevole: se vuoi ascoltarne un assaggio clicca qui.

Gianlorenzo ci ha portato da vedere il suo LASER a CO2. Se vuoi vedere il CO2 mentre taglia un pacchetto di  sigarette clicca qui. Ci  ci ha anche raccontato di quando, collaudando il LASER in giardino su di una palma, l'ha incendiata ... fortunatamente l'incendio si è limitato a bruciare la parte "pelosa" del fusto della povera pianta.

È arrivato il turno di Cristiano che ci ha mostrato i suoi ologrammi. Oltre ad essere molto belli e luminosi hanno una particolarità: Cristiano è in grado di realizzare l'emulsione fotosensibile, e di stenderla sul vetro per cui i suoi ologrammi sono interamente "fatti in casa"!

Qui sotto puoi vedere due degli ologrammi di Cristiano.

Nel frattempo Gianpietro ha acceso due oscillatori collegati a due galvanometri di scansione.

L'effetto lo puoi vedere qui sotto.

Filippo ci ha quindi mostrato il suo sistema di scansione: è basato su un'interfaccia USB, da lui costruita, pilotata da un opportuno programma. Purtroppo il tutto non ha dato i migliori risultati perchè il sistema era stato tarato per un'altra coppia di galvanometri e non c'è stato il tempo per rifare la taratura.

Viene proiettato il "cono di luce", approfittando del fatto che Gianpietro e William si stanno fumando una sigaretta: l'effetto è spettacolare!

Gianpietro ci conduce quindi nel seminterrato dove ha allestito la sua arpa LASER: si tratta di una serie di 11 barriere LASER che pilotano un'interfaccia MIDI: l'effetto è indescrivibile.

Avendo una decina di fasci LASER sopra la testa, fare foto appariscenti non è così difficile ...

Qui si vede Cristiano attratto morbosamente dall'arpa (vi ricordate "Voglio un Argon multilinea"?: ecco ... qualcosa di simile). Se vuoi sentire l'arpa puoi cliccare qui; il filmino purtroppo non rende l'idea dell'atmosfera magica che si era creata nel seminterrato ...

Ferruccio ci mostra la sua ultima costruzione: un LASER rosso senza collimatore completo del suo alimentatorino. Vorrebbe utilizzarlo per creare qualche ologramma.

È arrivata l'ora del pranzo e i due amici provenienti da Padova (Gianlorenzo e Matteo) dovranno lasciarci appena dopo: caricano in macchina la tavola con il CO2.

Andiamo a pranzo in una trattoria vicino al laboratorio di Gianpietro: il banchetto è piacevole, soprattutto la mousse di cioccolato :-) , ed è occasione, come sempre, per approfondire argomenti lasciati in sospeso magari dall'HoloMeeting precedente.

Ed ecco la foto ufficiale dei partecipanti.
In piedi, da sinistra: Miki, Matteo Arosio, Mauro Melotti, William Balsamini, Matteo Bicego, Luca Galbiati, Filippo Storari, Gianlorenzo Comunian, Gianpietro Grossi.
In basso, da sinistra: Loredana, Cristiano Perrucci, Ferruccio Fabbri, Roberto Sardo, Fabio Bragonzi, Alberto Marturini
Alcuni hanno in mostra alcuni degli ologrammi-trofeo che ci ha portato Mauro: sempre bene accetti.

Tornati nel laboratorio, viene proiettato un effetto chiamato "Lumia". Una foto o un piccolo filmato valgono più di cento parole.

Filippo tira fuori l'alimentatore del LASER ad Argon che Ferruccio gli aveva consegnato per una riparazione. È stato corredato di uno splendido pannellino di controllo, realizzato da Filippo.
Purtroppo il LASER non riesce ad accendersi perchè parte del gas è stato adsorbito dalla ceramica del tubo.

Sono le 16:45 e la maggior parte dei partecipanti ci lascia per far ritorno a casa.
Rimaniamo, io, Fabio, Matteo e Miki, oltre che, ovviamente, a Gianpietro.
Siamo incuriositi dall'organo Hammond che ha fatto la sua bella mostra, spento, per tutta la durata dell'HoloMeeting.

Detto e fatto! Viene rimosso il pannello posteriore e l'organo viene acceso: uno spettacolo! Al primo piano c'è il motore e il blocco delle ruote foniche; a piano terra si trovano gli amplificatori e la linea di riverbero a molla.
Un motore e delle ruote in un organo? Ebbene sì! Per chi non lo sapesse, l'organo Hammond ha come generatore di suoni delle ruote ferromagnetiche che girano vicino a dei magneti con delle bobine. Più semplice a dirsi che a realizzarsi! Se vuoi approfondire puoi partire da qui.

Al centro della foto c'è il motore sincrono che fornisce il movimento a tutte le parti meccaniche. A sinistra del motore c'è il commutatore rotativo per il vibrato (eh già! meccanico anche quello!).
L'organo Hammond è un gioiello di meccanica ed elettronica insieme.

Gianpietro ci da una prova delle possibilità di un tale organo: vuoi sentirlo suonare?

È accaduta una cosa irreversibile: abbiamo stimolato l'estro musicale del caro Gianpietro. Ci ha portato su a casa sua per mostrarci il sintetizzatore analogico che aveva realizzato tempo fa; ora è stato alloggiato in una valigia ed ha un aspetto professionale. Si tratta di un generatore multifunzione completamente programmabile. Nella foto qui sotto lo si vede pilotato da un sequencer Korg. Vuoi ascoltarlo: clicca qui.

Abbiamo anche visto degli altoparlanti piatti con la parte mobile realizzata in polistirolo espanso: suonano veramente bene!

Alle 18:00 ci ha mandato via ... peccato! (scherzo, Gianpietro! Ci hai dedicato fin troppo tempo.)
Un caloroso grazie da parte di tutti e ... alla prossima!

 

Se qualcuno capita in questa pagina e vuole iscriversi alla mailing-list HoloLASER, clicchi su http://groups.yahoo.com/group/Hololaser/.

 

Per vedere le statistiche di accesso a questo sito dal 9 agosto 1999:
To have a look at the statistics of this site from August 9, 1999:

Torna in cima alla pagina
Back to top

Copyright © 1999-2018 Alberto Marturini

Pagina aggiornata il: 28 novembre 2006.
Last update of this page: November 28, 2006.

$