La colonna
Home ] Su ] L'ETX-90RA ] L'ETX-125EC ] [ La colonna ] I filtri ] L'acquisizione delle immagini ] L'eclisse di Sole dell'11/8/1999 ] Il posto di osservazione ] Le prime esperienze ]

 

La mia colonna per l'ETX stata realizzata partendo da un tubo di PVC ad uso edilizio da 20 cm di diametro ed alto circa 110 cm (di quelli arancione per l'acqua calda). Lo spessore del tubo di 3.5 mm.
Da un falegname ne ho fatto tagliare un pezzo di 12 cm che ho infilato nella base, pi larga per le giunte. Cos ho preso due piccioni con una fava: ho abbassato la colonna ed ho irrobustito la base.
Il basamento stato realizzato con tre mensole da 30 cm di ferro tropicalizzato. Tre piattine di alluminio tengono i piedi a 120o uno dall'altro. I tiranti irrobustiscono il tutto.
In cima prevista una tavoletta di compensato di 13 mm di spessore.
La colonna pesa 6.3 Kg. Questo lavoro mi ha richiesto circa 8 ore, escluso il tempo per l'acquisto del materiale.
Mi costata circa 70 Euro.
Qui sotto puoi vederla nel suo complesso.
My ETX pedestal has been realized by a PVC (polyvinyl chloride) pipe for building use. The pipe has 20 cm in diameter, about 110 cm in length and 3.5 mm in thickness.
A joiner cut a piece of 12 cm that has been put in the base, larger for the joints. So the pedestal has been reduced in height and reinforced.
The base has been realized by three iron brackets. Three thin aluminium bars keep the "feet" 120o apart one from each other. Three connecting rods strengthen the whole.
On the top it will be mounted a plywood table of 13 mm in thickness.
The column weights 6.3 Kg. This work required about 8 hours, excluded the time for buying the materials.
It cost me about 70 Euro.
Here below you can see it.

COLONNA1.JPG (31775 byte)

Ciascuna vite calante cos composta (dall'alto in basso):
- vite 10 MA x 80 mm a testa esagonale
- dado ad alette 10 MA per il bloccaggio
- dado 12 MA (serve da spessore: il dado ad alette toccherebbe nelle nervature della mensola)
- mensola
- rondella da 10 mm maggiorata
- dado 10 MA incollato alla rondella con la colla cianoacrilica
- dado cieco 10 MA che serve da piedino
Each adjusting screw is so made (from high to low):
- 10 MA x 80 mm hexagonal head screw
- 10 MA wing nut for locking
- 12 MA nut acting as thickness
- bracket
- large 10 mm washer
- 10 MA nut glued to the washer by cyanoacrilic glue
- 10 MA cap nut

La rondella forata in due punti: due viti 3 MA impediscono alla rondella/dado di ruotare quando si regola la vite.
The washer is drilled in two points: two 3 MA screws prevent the washer/nut to turn when you adjust the screw.

Qui sotto puoi vedere un particolare della base.
Here below you can see a detail of the base.

COLONNA2.JPG (23182 byte)

Come si vede dalla foto qui sopra, i piedi della colonna sono muniti di una spia lampeggiante per evitare di urtarli nel buio.
As you can see in the above picture the feet of the pedestal have a blinking warning light.

Qui sotto puoi vedere la realizzazione dei circuito che fa lampeggiare i tre LED. stato realizzato saldando direttamente i componenti uno all'altro: in questo modo sono riuscito a miniaturizzare il tutto.
La scatoletta del lampeggiatore avvitata all'interno del tubo (qui mostrata smontata).
Here below you can see the realization of the circuit to blink the three LEDs. It has been realized soldering the components one upon the other.
The little blinker box is screwed into the pipe (here is shown taken apart).

COLONNA3.JPG (22966 byte)

Se ti interessa, disponibile una gif animata (190 KB) in cui si vede uno dei LED che lampeggia.
If you're interested in, an animated gif (190 KB) of one of the blinking LEDs it's available.

Qui sotto riportato lo schema elettrico del lampeggiatore. Il suo consumo medio irrisorio: circa 1 mA.
Here below the schematic of the blinker is presented. Its mean power requirement is negligible: about 1 mA.

LEDFLASH.GIF (5743 byte)

 

Per vedere le statistiche di accesso a questo sito dal 9 agosto 1999:
To have a look at the statistics of this site from August 9, 1999:

Torna in cima alla pagina
Back to top

Copyright 1999-2017 Alberto Marturini

Pagina aggiornata il: 14 gennaio 2002.
Last update of this page: January 14, 2002.

$